Museo internazionale e
biblioteca della musica di Bologna

Eventi / Y - Motus Lævus

  • >
Musica

Y - Motus Lævus

Y

Motus Lævus
Tina Omerzo voce, pianoforte, tastiere (Roli)
Edmondo Romano sax soprano, clarinetti, chalumeau, fluier
Luca Falomi chitarra acustica, classica, baritono, 12 corde, elettrica, basso acustico

I Motus Laevus presentano il loro nuovo progetto “Y”, lettera fenicia che rappresenta l’incognita e la coordinata e in molte culture è la lettera del rito, dell’iniziazione, metafora dai mille significati.
Nel progetto del trio genovese coesistono infatti suoni e linguaggi musicali di strumenti antichi e moderni, acustici ed elettrici, brani originali e tradizionali, in un melting pot dove la musica world si avvicina al jazz contemporaneo, canti sloveni e cultura europea si fondono con danze nordafricane e orientali, composizioni dell’est vengono miscelate a scale mediorientali greco turche.
E in questo motus tutto si evolve e si trasforma ad ogni esecuzione del gruppo.

Tina Omerzo nata a Sempeter pri Gorici, studia il pianoforte alla Scuola di musica Statale di Koper-Capodistria dove si diploma nel 1992. Successivamente si trasferisce a Lubiana dove prosegue i suoi studi nella sezione Jazz. Nel 1998 si trasferisce a Genova e poco dopo vince un concorso indetto dalla Comunità Europea che le permette di partecipare ai corsi di perfezionamento di improvvisazione Jazz a Siena condotti da Stefano Battaglia. Nel 2006 vince il primo premio al concorso Jazz emergente in Liguria con il trio Istralia ed incide il suo primo CD contenente composizioni originali. Nel 2008 vince il Premio speciale della giuria come miglior interprete e musicista al MAD di Friuli Venezia Giulia. La sua creatività artistica è influenzata da numerose esperienze musicali che spaziano dal jazz al pop e dalla musica etnica a quella classica.

Edmondo Romano polifiatista e compositore, lavora dal 1990 nella ricerca musicale sperimentale, folk, etnica, world, minimalista, colonna sonora, perfezionando l’uso degli strumenti nelle diverse culture ed espressioni. Ha suonato e composto numerose colonne sonore cinematografiche (in collaborazione con Pivio e Aldo De Scalzi), musicato reading poetici per moltissimi artisti, composto musiche per teatro e televisione, esibendosi con numerosi musicisti in Italia, Europa, Asia, Sud America. Ha preso parte a più di 100 incisioni discografiche con alcune delle più importanti etichette.
Curatore artistico insieme a Simona Fasano della Compagnia Teatro Nudo con la quale svolge un’intensa attività come compositore ed aiuto regista dal 2006 ed arrangiatore della formazione di musica italiana anni '20 Luna Quart. Ha prodotto due album da solista: Sonno Eliso - I dischi dell’espleta (2012); Missive Archetipe - Felmay (2014). Nel 2017 esce il suo lavoro sulla tradizione Cabit - Unico Figlio in classifica su ITunes Italia e riconosciuto tra i 10 migliori album world music italiani del 2017.

Luca Falomi muove i primi passi nella musica a soli sei anni. Parallelamente allo studio accademico della chitarra classica, presto scopre il jazz e l’improvvisazione e partecipa a masterclass con artisti internazionali. L’interesse per il suono lo porta a sperimentare con strumenti a corda acustici, elettrici ed etnici. La sua attività musicale lo vede coinvolto sia in studio che dal vivo in progetti di generi musicali differenti: jazz, world music, musica d'autore, musica sperimentale e contemporanea.
Nel 2011 pubblica il suo primo album dal titolo Viens Voir, seguito nel 2014 da Sober, prodotto in collaborazione con Marco Canepa, sound engineer e produttore discografico di grande esperienza. Dà vita inoltre al progetto live Esperanto, un trio acustico con il contrabbassista Riccardo Barbera e il batterista Rodolfo Cervetto che propone materiale originale accostando in chiave jazzistica idiomi musicali diversi. In qualità di chitarrista, arrangiatore e compositore partecipa a svariati progetti discografici, live e teatrali.

Quando

8 Settembre 2020
ore 21

Informazioni

Museo internazionale e biblioteca della musica

tel 051 2757711
fax 051 2757728
email

BIGLIETTI:
€ 10
€ 8

minori di 18 anni | studenti universitari con tesserino | Card Cultura da presentare in biglietteria il giorno del concerto

L’ingresso è consentito fino ad esaurimento posti
A causa delle disposizioni relative all’emergenza COVID-19 i posti disponibili in sala sono limitati a 48
Nei giorni di concerto il bookshop apre alle ore 20.00

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO IN PREVENDITA:
- presso il bookshop del Museo della musica nei giorni di apertura
- on line (con una maggiorazione di € 1) su midaticket.it
NB: i biglietti acquistati non sono rimborsabili

Rassegna

(s)Nodi: festival di musiche inconsuete

Dove

Ingrandisci mappa

Museo | Museo internazionale e biblioteca della musica

Strada Maggiore, 34
40125 Bologna

Documenti